ICare Onlus è un’associazione di volontariato nata a Treviso nel 2000 che sostiene progetti di cooperazione internazionale in alcuni Paesi dell’Africa.
Il nostro scopo è quello di promuovere la solidarietà tra i popoli e contribuire allo sviluppo umano delle realtà con cui collaboriamo.
Tutto questo avviene grazie sia a specifici progetti nei Paesi interessati, sia ad un’intensa e capillare attività di sensibilizzazione e raccolta fondi a Treviso e provincia. Infatti, l’associazione sostiene progetti di cooperazione decentrata allo sviluppo in Africa e iniziative a livello provinciale e territoriale per la promozione dell’associazionismo tra i cittadini immigrati.
La caratteristica principale di ICare è rappresentata dalla stretta collaborazione con le associazioni di immigrati presenti in Veneto, con le quali pensiamo e realizziamo progetti e iniziative. Sono infatti fonti preziose di informazione sulla realtà dei Paesi di provenienza e rappresentano un collegamento con i referenti dei progetti nei vari Stati africani.
Vista la forte esigenza di conoscere meglio gli aspetti sociali e culturali dei rapporti tra Nord e Sud del mondo, siamo  inoltre impegnati nella promozione di incontri e dibattiti sul tema della cooperazione.L’associazione ICare non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale con l’obiettivo di valorizzazione e assistenza alla persona e alla famiglia come nucleo fondante della società, con attività dirette immediatamente e in via prevalente all’assistenza al soggetto nei momenti di bisogno, necessità e disagio, sia fisico che psicologico, e all’educazione e prevenzione volte al suo inserimento sociale.

Più specificatamente ICare opera al servizio delle categorie e delle persone socialmente più deboli, degli indigenti, degli immigrati e dei bambini e giovani attraverso le seguenti attività, svolte prevalentemente nel territorio della provincia di Treviso:

  • raccolta e distribuzione di indumenti, mobili, prodotti alimentari, materiale didattico ecc;
  • gestione di un Banco Alimentare;
  • promozione di percorsi di alfabetizzazione rivolti prevalentemente a donne immigrate che vivono in condizioni di marginalità sociale e culturale, con l’obiettivo di fornire loro strumenti di inserimento o reinserimento sociale;
  • assistenza a persone che hanno perso casa e lavoro, anche con la consulenza e l’organizzazione di rientro volontariato assistito nei Paesi di origine;
  • attività di animazione con il Ludobus, pulmino attrezzato con giochi e materiali per favorire i percorsi di socializzazione dei bambini e dei ragazzi, con particolare attenzione alle realtà ad alta intensità migratoria.