Da ottobre 2009 è stata avviata l’attività del Banco Alimentare, decisa su sollecitazione di numerose associazioni di immigrati ma anche da volontari di I Care che segnalavano il disagio e le difficoltà economiche e sociali di numerose famiglie colte dalla crisi economica.

Preso contatto con l’Associazione Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia, I Care ha stipulato una convenzione attraverso la quale, con propri volontari, si reca mensilmente a Pasian di Prato a ritirare prodotti alimentari che vengono distribuiti, due volte al mese, a oltre 120 famiglie in difficoltà.

cassetta mele banco alimentare Treviso I care onlus      scatoloni banco alimentare Treviso I Care      Banco alimentare I Care treviso

Inizialmente, le persone che si rivolgevano al Banco erano prevalentemente di origine straniera. Lo scoppio e la continuità della crisi ha cambiato anche la provenienza delle persone che si rivolgono al nostro centro di distribuzione: attualmente, tra le oltre 120 famiglie che riforniamo (circa 500 persone), poco più del 45% sono italiani.

Da circa un anno I Care è in rete con altre esperienze analoghe nel territorio (Emporio Solidale, centri di distribuzione di Caritas) per scambi di buone prassi e per rendere più efficiente ed etico il servizio di intercettazione, selezione e distribuzione delle enormi quantità di eccedenze alimentari ancora commestibili, spesso destinate alla distruzione.

L’iniziativa, oltre a rispondere ai reali bisogni di centinaia di famiglie, ha anche uno scopo educativo ed etico per la lotta contro la povertà e gli sprechi.

La morale che accompagna il progetto del Banco Alimentare è la stessa alla base del Progetto Sobrietà come stile di vita, che ha impegnato negli scorsi anni I Care con molte altre associazioni.

 

Ci trovate qui: