Esperance

bambini centro esperance I CareEsperance è un centro di accoglienza diurno per i bambini orfani da AIDS o sieropositivi che necessitano di sostegno alimentare, medico, scolastico date le loro condizioni di povertà. Si trova nel quartiere di Abobo nella città di Abidjan, capitale economica della Costa d’Avorio. Questa esperienza, iniziata nel 2004, fornisce uno spazio in cui i bambini attualmente trovano un piatto di riso, una visita medica gratuita e un punto d’appoggio aperto per le situazioni più disperate, e funge da luogo di monitoraggio e di controllo della malattia nel quartiere, in accordo con l’ospedale pubblico.

Con un programma triennale abbiamo sostenuto e potenziato le attività del centro: adeguato la struttura ed accolto 50 bambini del quartiere al giorno, malati o orfani a causa dell’AIDS, per aiutarli nello studio, sostenerli nella frequenza scolastica e assicurare loro almeno un pasto equilibrato e completo nella giornata. Il Centro, inoltre, grazie alla collaborazione con personale medico ed infermieristico locale, ha anche promosso percorsi di formazione igienico – sanitaria per le donne, dalle norme di pulizia più elementari alle attenzioni da osservare per la prevenzione dell’AIDS; sono state garantite inoltre, con il personale infermieristico del centro stesso, visite gratuite a domicilio per la popolazione del quartiere.

Esperance - I Care progetti

Enrico Di Pasquale, volontario di I Care, con alcuni bambini ospiti del Centro Esperance.

Il Centro Esperance ha visto la presenza di oltre 30 volontari partiti dall’Italia, che in questi anni hanno passato periodi più o meno lunghi nel Centro per svolgere attività educative, formative e di sostegno ai bambini ospiti.

Il Centro è stato sostenuto, oltre che dal volontariato locale (ivoriano), da finanziamenti della Regione Veneto, di I Care, della Tavola Valdese, del CAAF CGIL, del circolo Auser – Il chicco di grano, e da vari finanziatori individuali.
In Italia il progetto ha proposto percorsi di conoscenza della Costa d’Avorio e continua a proporre esperienze di animazione estiva per qualche giovane che voglia conoscere da vicino la realtà del Centro Esperance.

 

 

Diamo un futuro a Esperance

donne centro esperance progetti I Care

Da qualche anno il Centro è attivo anche per aiutare le giovani donne che dopo aver fatto parte del primo progetto hanno raggiunto la maggiore età.  L’ultimo impegno progettuale, con il sostegno della Tavola Valdese, è rivolto a circa 30 ragazze ospiti del Centro, con l’obiettivo di formarle professionalmente e civilmente ad una vita autonoma e dignitosa. I Care ha contribuito all’acquisto di alcune macchine da cucito ed ha fornito al Centro un’insegnante che guiderà le ragazze in un corso di cucito e di stiro.

Il Centro Esperance sorge nel quartiere di Abobo – Clouetcha, a nord del centro di Abidjan: è una zona molto popolare, che accoglie soprattutto i nuovi arrivati dalle periferie rurali e i migranti che non hanno mezzi finanziari. In origine, nel quartiere fu costruita una delle prime stazioni ferroviarie, attorno alla quale si sono sviluppate in modo disordinato le abitazioni, le strade e le attività commerciali della popolazione che continua a crescere.

A Cloetcha, il Centro si trova accanto al dispensario e vicino alla scuola primaria pubblica. L’AIDS ha molta incidenza grazie anche alla scarsa alfabetizzazione degli abitanti e alla carenza di servizi igienico-sanitari. L’accesso alla scuola è legato alla possibilità di pagare la retta, acquistare la divisa, i libri e il materiale necessario, per cui sono molti i bambini che non possono accedervi.       Il tasso di fertilità nel paese è di 4,5 figli per donna (UNPOP,2004). La popolazione vive di piccolo commercio e di lavori quotidiani saltuari, senza alcuna sicurezza economica.

Partner

In Italia: Comune di Casier, AVI Montebelluna, Amici del Modellismo, AUSER Treviso, Comunità ivoriani Treviso.

In loco: ONG Esperance, Comunità di Aobo.

Obiettivi

Obiettivo generale

Sostenere il miglioramento della salute della popolazione urbana in Costa D’Avorio.

Obiettivi specifici

  • migliorare la qualità della vita dei bambini orfani o malati a causa dell’AIDS ad Abidjan,
  • promuovere strategie ed azioni di educazione igienico-sanitaria per la comunità e specialmente per le donne,
  • proporre percorsi di conoscenza, scambio e partecipazione alle iniziative del progetto rivolte specialmente a giovani volontari del territorio e dell’associazione.

Risultati

Ad oggi i risultati raggiunti sono i seguenti:

  • la sede del centro risulta ristrutturata e arredata in modo adeguato,
  • è stato reclutato il personale necessario per il buon funzionamento della struttura,
  • ogni giorno 50 bambini orfani o malati di AIDS sono accolti nelle strutture del centro, nutriti in modo adeguato, assistiti dal punto di vista sanitario, sostenuti ed accompagnati nella frequenza della scuola primaria e nello studio,
  • 100 donne hanno seguito un percorso di prima educazione igienico-sanitaria,
  • è stato realizzato un percorso di introduzione al volontariato internazionale, con proposta di esperienza di animazione per 4 volontari.

 

puls_logo 8 x mille

Progetto sostenuto con i fondi otto per mille della Chiesa Valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi)