Contesto

La località in cui questo progetto ha avuto luogo è il villaggio di Silinkine, in Senegal, nella comunità rurale di Oulampane del dipartimento di Bignona, caratterizzata dall’estrema povertà e dalla carenza di strutture di base.
Silinkine, come la maggior parte dei villaggi della regione naturale della Casamance, presenta importanti potenzialità agricole, pastorali e forestali.
Come il resto della regione, Silinkine è caratterizzato da un clima che presenta due grandi stagioni:

– la stagione secca da novembre a maggio
– la stagione delle piogge da giugno a ottobre

La maggioranza delle precipitazioni (75-80%) si verifica tra luglio e settembre. La regione di Ziguinchor presenta le medie piovose più alte del Paese. Ma negli ultimi 30 anni la piovosità annuale è diminuita drammaticamente di circa il 30%. Questa bassa piovosità è causa di:
•    aumento della salinità dell’acqua del fiume
•    aumento del deficit idrico nelle risaie
•    diminuzione delle rese delle sempre più ridotte zone coltivabili
•    abbandono della maggior parte delle risaie da parte della popolazione.

Il progetto

Il progetto P.R.I.S. è un’iniziativa di sviluppo integrato nel settore primario in un villaggio della regione di Ziguinchor, in Senegal. La regione, infatti, ha una forte vocazione agricola e pastorale.
Nel villaggio di Silinkine il partner locale è l’Association villageoise de Silinkine (AVIS), cooperativa locale protagonista da subito del progetto, in un’ottica di partenariato forte e duratura che con il supporto del Cerpad (che ha effettuato un percorso partecipativo con la popolazione per l’emersione di bisogni e priorità) ha individuato quattro diversi ambiti di intervento, focalizzando l’attenzione sull’apporto di donne e giovani:

1 – COLTIVAZIONE DEL RISO: il riso costituisce la maggior fonte di cibo della regione. Il progetto mira a rilanciare la risicoltura attraverso un potenziamento degli strumenti tecnici a disposizione con l’acquisto di un trattore, di carriole, zappe, aratro e altre attrezzature agricole. Mira inoltre a una migliore gestione delle risaie e dell’apporto idrico attraverso la manutenzione delle piccole dighe di terra che impediscono la salinizzazione.

2 – ORTICOLTURA: l’orticoltura è un’attività svolta prevalentemente dalle donne per il sostentamento quotidiano e il piccolo commercio. Il progetto prevede il miglioramento delle tecniche agricole attraverso l’introduzione di varietà diverse di prodotti locali che garantiscano un rifornimento alimentare per tutto l’anno. Inoltre verrà introdotto un impianto di irrigazione “goccia a goccia” per massimizzare la resa anche nella stagione secca.
Tutto questo sarà accompagnato da percorsi formativi per le donne riguardanti le attività agricole e la gestione delle stesse.

3 – ALBERI DA FRUTTO: nel villaggio sarà avviato un frutteto di 20 ettari che sarà gestito da giovani e donne per potenziare l’autosussistenza alimentare e anche attività di commercio con altre realtà vicine. I prodotti coltivati saranno ananas, mango, papaya, anacardi, agrumi, palma da olio, per valorizzare la produzione e la varietà di prodotti locali.

4 – ALLEVAMENTO: il progetto prevede anche il potenziamento del settore dell’allevamento, con la costruzione di uno stabile in cui introdurre polli da vendere poi sui mercati, oltre ad acquistare alcuni bovini e ovini.

Tutto il progetto è stato sviluppato grazie ad un processo partecipativo seguito dal Cerpad. L’acquisto dei materiali, la costruzione delle opere e le attività di agricoltura e allevamento sono prese in carico fin dall’inizio dalle controparti locali, che hanno indicato priorità e strategie adeguate al contesto e alla popolazione. Questo garantisce da subito la sostenibilità nel tempo dell’iniziativa.
Al termine del progetto il sistema integrato in ambito agricolo e di allevamento del villaggio di Silinkine sarà adeguato alle esigenze locali di fabbisogno alimentare e di maggiori rendite economiche anche per gli anni seguenti.
L’apporto dell’associazione proponente e dei partner sarà dedicato alla formazione e supervisione tecnica del progetto. La formazione dedicata alle donne e ai giovani del villaggio mira a qualificare il lavoro quotidiano e rilanciare lo sviluppo agricolo della regione con continuità oltre i termini progettuali.

Obiettivo generale


Migliorare le condizioni di vita della popolazione di Silinkine attraverso un percorso di sostegno integrato nel settore primario.

 

Obiettivi specifici

  • rendere il villaggio autosufficiente per la produzione di riso
  • aumentare le rendite derivanti dalla coltura dei legumi
  • diversificare la produzione di frutta
  • migliorare le razze avicole locali e aumentare le rendite dell’allevamento

Risultati raggiunti

  • acquistate le sementi e coltivati 4 ha di riso, 2 ha di mais e 2 ha di miglio
  • acquistate le attrezzature agricole (2 trattori, 2 aratri, fresa, erpice)
  • avviate e consolidate le attività di raccolta e conservazione del riso
  • acquistato concime e prodotti fitosanitari per una migliore coltivazione del riso
  • completata la recinzione e la preparazione del terreno (circa 2 ha) dell’orto
  • acquistati e seminati sementi di zucchine, zucche, cetrioli, meloni e angurie
  • acquistati insetticidi
  • realizzata la recinzione del terrenodel frutteto
  • acquistate e interrate piante di limoni, arance, pompelmi, anacardi, papaya e Guayava
  • realizzato un piccolo recinto per gli animali
  • acquistati 26 ovini, successivamente allevati e venduti in occasione della festa religiosa del Tabaski e di altre ricorrenze
  • acquistati 4 bovini (2 tori e 2 buoi), utilizzati anche nelle attività di preparazione dei terreni destinati alle coltivazioni
  • costruito il pollaio e acquistati i pulcini
  • formati 14 agricoltori in “tecniche di conservazione di ortaggi e produzione con alberi da frutto”
  • formati volontari locali sull’uso degli attrezzi agricoli, con prove pratiche di erpicatura e di aratura, sulla gestione di un albero da frutta (dal trapianto, alle potature di mantenimento e di fruttificazione) e sulla costruzione di recinti per campi ed animali


Partner

In Italia:

In loco:

  • Cerpad – Centre d’études de recherches pour le développement et l’appui au partenariat
  • avis – Association villageoise de Silinkine
  • licée Technique Agricole de Bignona