Finalità dei laboratori

  • favorire percorsi di accoglienza e inserimento nel territorio trevigiano di bambini e ragazzi migranti e di seconda generazione;
  • affrontare il tema della diversità culturale attraverso interventi che si traducono in laboratori di cucina tipica, costruzione di giochi, abbigliamento, teatro, musica, stili di vita sobri, educazione al riciclo ecc.;
  • affrontare il tema della diversità religiosa, attraverso alcuni incontri con famiglie esponenti di religioni differenti, che possano testimoniare concretamente alcune delle loro peculiarità e tradizioni.

Esempi di laboratori

Violenza/Non Violenza (incontro tra persone)

Obiettivi:

  • riconoscere le differenze (l’altro diverso da me!)
  • educare all’accoglienza al di là degli stereotipi
  • educare alla gestione creativa del conflitto

Contenuti ed attività:

  • compilazione carta d’identità:
    • sono (tre aggettivi)
    • mi piace mangiare
    • sul mio comodino
    • da grande vorrei
    • i miei fratelli/sorelle
    • il mio colore è
    • la città in cui vorrei vivere
    • se fossi una scarpa
    • una favola per me
    • ultimo film visto
    • canto sempre
    • un odore della mia infanzia
  • creazione cartellone della classe dove ciascun ragazzo incollerà tre immagini ritagliate da riviste e giornali che lo rappresentano (la classe verrà poi invitata a dare un nome al cartellone che tenga conto della totalità della immagini rappresentate);
  • gli stereotipi (gioco di riconoscimento di luoghi e persone che sembrano altro)
  • l’io e la cultura come filtro attraverso cui vediamo la realtà: proiezione di immagini in bianco e nero di specificità culturali altre (i ragazzi sono forniti di occhiali con lenti colorate)
  • gioco e conflitto: gioco competitivo/gioco cooperativo

Sfruttamento nord/sud del mondo (incontro tra stati)

Obiettivi:

  • introdurre alcune logiche di mercato che influenzano le relazioni tra gli stati e la storia di una materia prima.

Contenuti ed attività:

  • gioco di ruolo sugli squilibri del mercato

Educazione alla sostenibilità 

Obiettivi:

  • stimolare la curiosità e la creatività come “chiavi” di un incontro che sia positivo.

Contenuti ed attività:

  • ogni scelta quotidiana incide sul ben-essere della collettività (che sia il quartiere o il mondo)
  • saper scegliere i prodotti leggendo le etichette
  • consigli di buone pratiche da adottare per una vita sostenibile.